I funghi Enoki: prodotto del mese 14 Novembre 2022

I funghi Enoki sono funghi lunghi, sottili e bianchi con un sapore delicato e una consistenza croccante. ย Sono popolari nella cucina giapponese, cinese e coreana e vengono venduti a grappoli. Molto utilizzati soprattutto nelle zuppe, ma anche semplicemente saltati in padella, o nelle insalate.

I funghi Enoki, a volte chiamati anche funghi ago d’oro, funghi giglio o enokitake, sono un tipo di fungo commestibile, Flammulina velutipes, che cresce naturalmente sui ceppi degli alberi dal tardo autunno all’inizio della primavera. Le varietร  coltivate commercialmente differiscono significativamente da quelle che crescono allo stato selvatico. I funghi enoki coltivati โ€‹โ€‹sono privati โ€‹โ€‹della luce e coltivati โ€‹โ€‹in un ambiente ricco di CO2, che produce un fungo bianco pallido con steli lunghi e sottili.

Le loro radici sono congiunte, in modo che gli steli individuali crescano da una massa comune e interconnessa alla base. I funghi vengono venduti con questa radice ancora attaccata, ma deve essere tagliata prima dell’uso.

Tipicamente serviti cotti, i funghi enoki hanno un sapore delicato, nocciolato, leggermente fruttato e una consistenza croccante e leggermente gommosa. Sono facili e veloci da cucinare e si abbinano bene a zuppe e stufati, saltati in padella, nel ramen, nelle frittate, nei piatti di riso, con il ย sushi e negli involtini primavera. I fagottini di funghi enoki a volte sono avvolti nella pancetta, grigliati e poi serviti in una salsa piccante. Possono essere serviti anche freschi in insalata.

Giappone sono molto utilizzati come ingrediente nella preparazione di un condimento dolce-salato chiamato nametake. Fatto facendo sobbollire funghi enoki freschi insieme a salsa di soia, mirin , sake, zucchero e aceto di riso, il nametake รจ un condimento popolare che viene spesso servito su riso, tofu, noodles, pasta e altri cibi.

Questi funghi cuociono molto velocemente. Circa due minuti di soffritto producono una consistenza croccante, mentre una cottura oltre farร  sรฌ che il prodotto diventi sempre piรน gommoso.

Per preparare i funghi enoki bisogna partire tagliando la base del fagotto di funghi e quindi separare i singoli fili dei funghi in modo che cuociano uniformemente. Subito dopo vanno trasferiti in una ciotola di acqua fredda per lavarli, lasciando che eventuali particelle di sporco sciolte affondino sul fondo della ciotola. Scolare i funghi in uno scolapasta e ripetere il processo di pulizia utilizzando acqua fresca se necessario.

Un altro modo semplice per cucinare i funghi enoki รจ quello di utilizzarli come contorno. Dopo aver lavato i funghi, scaldare una piccola quantitร  di olio neutro, come olio di arachidi, in una padella a fuoco medio-alto. Aggiungere i funghi e far rosolare per un minuto, sempre mescolando, prima di aggiungere un po’ di scalogno tritato e aglio tritato. Cuocere per altri 30 secondi, quindi condire con salsa di soia e servire.

Un altro modo per usare i funghi enoki รจ aggiungere i funghi freschi a una ciotola di ramen, e lasciarli cuocere rapidamente con il brodo caldo.

Hanno un sapore delicato, terroso, leggermente dolce e leggermente fruttato. La loro consistenza รจ croccante quando รจ fresca e quando รจ leggermente cotta, diventando piรน gommosa man mano che viene cotta. Si abbinano bene con sapori come salsa di soia, citronella, aglio, miso, zenzero e alghe.

Grazie al loro basso valore calorico (22 kcal) e all’alto contenuto proteico, questi funghi sono adatti a una dieta alimentare in assenza di controindicazioni. L’Enoki contiene vitamine del gruppo B, vitamine D, D2, E e selenio. Questi funghi contengono anche oligoelementi: ferro, potassio, calcio e il polisaccaride flammina.

Dal punto di vista officinale, ha proprietร  antiossidanti, quindi pulisce il corpo dai radicali liberi e stimola in sistema immunitario. Studi epidemiologici condotti in Giappone lo ritengono coadiuvante nella lotta contro le neoplasie, soprattutto linfomi, ascite e tumori della prostata. Lโ€™Enoki possiede anche proprietร  antivirali e antibatteriche: tra i suoi principi attivi ci sono anche le lectine, una famiglia di proteine presente soprattutto in legumi e cereali, e beta-D-glucano, un antigene componente fondamentale della parete di molti funghi. Si dimostra anche in grado di combattere malattie degenerative come la demenza e la malattia di Alzheimer e di ridurre il rischio di malattie infiammatorie, puรฒ prevenire e curare ulcere gastrointestinali e malattie del fegato, se assunto in modo corretto.

Il cibo come medicina »